PSICOLOGIA: PROVATE A GIOCARE CON QUESTI DIVERTENTI EFFETTI OTTICI

Ciao amici ecco a voi un’interessante video in modo che possiate divertirvi giocando con questi effetti ottici, ma in particolar modo che possiate acquisire consapevolezza delle vostre PERCEZIONI. Un abbraccio 🙂

Come funziona la nostra percezione? E’ intorno agli anni trenta che la psicologia ha iniziato a porre l’attenzione sullo studio dei meccanismi tramite cui noi percepiamo, il modo il cui il nostro cervello è in grado di elaborare specifici stimoli sonori, uditivi,visivi e tattili.

Siamo consapevoli del fatto che grazie ai nostri sensi, al nostro sistema propriocettivo riusciamo a tradurre tutta la realtà circostante attraverso una composizione arbitraria di stimoli, derivazione di un elaborato meccanismo di apprendimento. Esperti di questi studi sono stati gli autori e protagonisti della psicologia della Gestalt (i primi ad esserne incuriositi). Tra i nomi fondatori di questa corrente troviamo:  Kurt Koffka, Wolfgang Köhler e Max Wertheimer. Gli studi psicologici della gestal focalizzano l’attenzione soprattutto sugli aspetti percettivi e del ragionamento/problem-solving oltre che sull’apprendimento, sulla memoria, sulla psicologia, sul pensiero e sulle relazioni sociali.

L’idea fondante dei gestaltici era che il “tutto” fosse diverso dalla somma delle singole parti (una netta opposizione allo strutturalismo insomma!). E di qui che proviene la famosa frase: “il tutto è più della somma della singole parti”.

Importati studiosi della Gestalt provengono dall’Italia e tra questi citiamo Fabio Metelli, che ha effettuato svariati studi sulla percezione visiva e il famosissimo Gaetano Kanizsa, famoso per il noto fenomeno percettivo detto il Triangolo di Kanizsa.

Con lo sviluppo degli studi sulla psicologia della percezione, il focus degli studi si trasferisca da una precedente concezione elementaristica alla percezione come risultato di un’interazione e organizzazione globale di varie componenti. E importante ricordare che i processi che stanno alla base della percezione sono: la categorizzazione e l’identificazione.

Vi lasciamo con un video, in modo che possiate comprendere meglio il meraviglioso mondo della percezione e della consapevolezza percettiva. Buona visione! 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *