La mente necessita di momenti di riposo. Scopriamo perchè?

Vivere di fretta e sotto costante stress è impossibile, il nostro cervello e la nostra mente non sono preparati per restare attivi a livelli alti e per lungo tempo. Tutto questo ci porta a stancarci e a ridurre il nostro rendimento, man mano che passano le ore ed i giorni. Eppure il mondo in cui viviamo è talmente dominato dalla competizione che, anche se ne avremmo bisogno, non concediamo al nostro corpo il giusto riposo. Quando accade, rischiamo seriamente di soffrire di disturbi legati all’ansia.

A nulla serve mettere in pratica tecniche di rilassamento o andare a lezione di yoga tre volte alla settimana se non siamo capaci di imporci pause quotidiane in mezzo al trambusto della vita. Talvolta risulta complicato mettere a freno i sentimenti pieni di preoccupazioni che affiorano nella nostra mente e forse proprio perché nessuno ci ha insegnato a farlo. Riuscite a ricordare un’intera giornata in cui non abbiate avuto il cellulare sotto mano? Quando è stata l’ultima volta che avete svolto la vostra attività preferita?

Non c’è bisogno di andare in vacanza per rilassarsi – un semplice fine settimana, un giorno o un’ora possono bastare per mettere un punto alla confusione che ci circonda, o meglio, dalla quale ci sentiamo circondati. I problemi variano in base al punto di vista che si adotta al riguardo. Siete davvero in grado di disconnettere?

 Sicuramente nella vostra mente frullano di continuo idee relative a futuri progetti, a cosa c’è da fare la prossima settimana, alle chiamate da fare e tante altre responsabilità che vi stanno impedendo di sfruttare persino i weekend. Siete convinti che lasciare da parte per un momento i vostri doveri faccia di voi degli irresponsabili, nonostante non possiate fare nulla se non aspettare di rientrare in ufficio lunedì. Il fine settimana si converte, dunque, in una sorta di anticipazione di quel momento, con tutto lo stress implicato.

Per riposarsi davvero e approfittare del proprio tempo di “non lavoro”, occorre apportare un cambiamento nelle attività e nel proprio modo di pensare rispetto ai giorni lavorativi, durante i quali le responsabilità sono effettivamente reali. In altre parole, sono giorni in cui non c’è bisogno di svegliarsi ad una determinata ora e fare colazione di fretta per andare a lavoro. Eppure, ormai abituati ad una simile routine, ci viene difficile perdere il ritmo. Ciò ci porta a commettere alcuni errori nei nostri giorni di riposo.

Per cominciare, cerchiamo di pianificare il fine settimana senza lasciare alcuno spazio all’improvvisazione. In questo modo, qualsiasi imprevisto rischia di generare un conflitto. Non ci stacchiamo un secondo dal cellulare, tenendolo sempre acceso. Infine, non ci azzardiamo a fare cose nuove, pazzie, e la vera domanda è una sola: perché?

Un chiaro esempio di tutto questo avviene nel periodo di Natale, in cui la maggior parte delle persone gode di qualche giorno di vacanza. Eppure, quello che dovrebbe essere un piacere si trasforma in un supplizio – riunioni di famiglia, viaggi per cercare di beccare i nostri cari, organizzazione di uscite all’aperto per approfittare appieno di quei giorni “liberi”… Basta!

Ricordate che siete nel vostro periodo di riposo. Se non vi liberate dallo stress quando non dovete andare a lavoro, quando lo farete? State riempiendo il vostro tempo per paura di non poter vivere senza avere qualcosa da fare. Invece, bisognerebbe imparare a lasciarsi trasportare. Potreste voler passare un giorno in casa a leggere, guardare la televisione o fare qualcosa di totalmente improduttivo. Non succede nulla. Non dovete sentirvi male per questo. È un vostro diritto.

I benefici del riposo

Forse credete che riposare sia una perdita di tempo, e che non farlo significhi più produttività e lavoro fatto bene. State sbagliando. Essere costantemente “in funzione” non darà migliori risultati, anzi: faciliterà l’insorgere dei problemi menzionati all’inizio dell’articolo, ovvero stress, ansia e depressione. Volete conoscere i veri benefici legati al giusto risposo?

  • Aumenta notevolmente la creatività. Se il vostro lavoro richiede inventiva e immaginazione, già saprete che la mancanza di ispirazione può causare seri guai. Intestardirsi su qualcosa e continuare a provarci non servirà a nulla. In questi casi è opportuno rilassarsi, disconnettere e svolgere un’attività piacevole. Non perderete tempo, anzi, quando rientrerete a lavoro, scoprirete che tutte le barriere della vostra creatività sono state abbattute. Le idee cominceranno a fluire e scorrere rapide.
  • Migliora la capacità decisionale e di giudizio. Prendere decisioni è un aspetto fondamentale nella vita di chiunque, poiché in base ad esse si sviluppa il nostro futuro. Quando la nostra mente è satura, è impossibile vedere le cose con la chiarezza necessaria ad analizzare le varie opzioni possibili e sentirsi soddisfatti del prodotto di una decisione.
  • Riduce stress e ansia. Una buona dose di riposo riduce il livello di attività del cervello. Quando soffrite di stress, i livelli di cortisolo aumentano, con conseguenze negative per il vostro organismo – soprattutto se il problema diventa cronico. Mal di testa, riduzione delle difese, problemi digestivi e stanchezza saranno alcuni problemi.
  • Ci rende più felici. Quando l’insieme dei pensieri negativi svanisce dalla nostra mente, questa comincia a rilasciare endorfine, i cosiddetti ormoni della felicità. Grazie ad essi, possiamo goderci quello che accade attorno a noi ritrovando l’equilibrio in uno stato di pace e tranquillità.

Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato su argomenti che esplorano la crescita personale ed emotiva, puoi seguirmi sulle mie pagine di facebook “Psicologia e Musicoterapia” e “Associazione Alma Ata“, oppure aggiungermi su Facebook per sottopormi le tue curiosità e i tuoi dubbi. Vuoi commentare e condividere con noi le tue esperienze. Vuoi avere il parere di uno psicologo o psicoterapeuta? Allora scrivici a stefaniasignorile@yahoo.it

Fonte

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *